Progetto Toriman

Il principale vantaggio della presente iniziativa risiede nella possibilità di offrire al cliente finale – l’armatore, i charter/broker e gli stessi cantieri – un insieme di servizi ad alto valore aggiunto, con l’obiettivo di ridurre la probabilità (ed i costi) di guasti, risolvere in tempi più brevi molti dei problemi che si possono presentare in navigazione, aumentare il livello di sicurezza e di efficienza a bordo.

fig2toriman


Al tempo stesso si potrà conseguire un significativo incremento di produttività, che si traduce in una maggiore velocità di risposta alle richieste di servizio del cliente finale (nonché degli stessi partner) ed in una sensibile riduzione dei costi attualmente sostenuti dalle singole aziende per l’erogazione dei servizi di assistenza al cliente. Il suddetto aumento di efficienza si basa anche sulla considerazione che, secondo statistiche interne, in media l’80% delle attuali richieste di intervento non richiederebbero la presenza diretta dei tecnici in loco, ma potrebbero essere risolti semplicemente a distanza se si potessero conoscere i parametri generali di funzionamento di strumentazione ed impianti e si potesse su questi intervenire a distanza.

fig3toriman


Gli elementi più innovativi del progetto TORIMAN possono essere sintetizzati nell’impiego delle seguenti tecnologie:

  1. Gestione di politiche di manutenzione predittiva
  2. Supporto per attività di manitenzione preventiva, ordinaria e straordinaria.
  3. Gestione integrata e collaborativa delle attività relative alla efficienza ed alla sicurezza a bordo
  4. Interazione uomo-macchina avanzata con approccio Collaborative Working Environment e GIS

1. Le strategie predittive si basano su analisi stocastiche di segnali che evolvono nel tempo e rappresentano andamenti di grandezze tipiche del sistema, monitorati attraverso sistemi di acquisizione, basti tipicamente su sensori. Nel nostro caso abbiamo impiegato la Symbolic Probabilistic Fault Tree Analysis, che consente di valutare quantitativamente gli andamenti delle probabilità di fallimento nel tempo dei componenti del sistema monitorato e quindi di ottimizzarne le strategie di manutenzione preventiva, massimizzandone l’affidabilità e minimizzando i costi delle operazioni di manutenzione. Il sistema di supporto alle decisioni utilizza le informazioni fornite dal motore predittivo per presentare all’operatore una stima del rischio relativo alla situazione corrente (fallimenti del sistema e dei suoi componenti), e le possibili azioni di escalation da intraprendere (monitoraggio più accurato, riparazione, sostituzione di componenti).

2. Il sistema permette: l’esecuzione remota (ove possibile) delle operazioni di manutenzione preventiva, ordinaria e straordinaria e di controllo (fine tuning, risettaggio dei parametri di funzionamento); la presentazione automatica di liste di azioni (checklist) che devono essere svolte, a fronte dell’occorrere di eventi e condizioni anomale; l’accesso alla documentazione consultabile; la comunicazione integrata tra operatori del CCV ed equipaggio a bordo.

3. L’applicazione implementa il monitoraggio remoto dei sistemi e componenti di bordo e la valutazione quantitativa del rischio, con l’obiettivo del miglioramento della safety e della security a bordo, oltre a fornire un supporto tattico-decisionale sotto forma di un ambiente collaborativo ed accessibile via web per la gestione integrata e valutazione della criticità delle emergenze, integrazione e presentazione tempestiva di informazioni originate da sorgenti diverse.

4. Presentazione delle informazioni e supporto per equipaggi con modesta esperienza, facilitando i processi di analisi ed interpretazione delle situazioni: presentazione personalizzata e differenziata “per ruolo”, “per responsabilità” ed in base al contesto, in modo da fornire visualizzazioni diverse ad utenti che rivestono un diverso ruolo a bordo ed a terra, presentando all’utente le informazioni filtrate dei dati irrilevanti allo scopo di impedire agli operatori di avere problemi di sovraccarico di informazioni; visualizzazioni spaziali georeferenziate delle informazioni, quindi più precise ed intuitive, attraverso impiego di funzionalità GIS – Geographic Information System.

Il progetto TORIMAN rappresenta una sfida notevole per Rigel, considerate la dimensione del progetto, la complessità realizzativa, l’innovatività e la multidisciplinarietà dei contenuti.